Covid, che stress! Ci pensa la musica

Non serviva un genio per scoprirlo: l’attuale emergenza sanitaria è forte causa di stress. È stata invece necessaria una ricerca dell’Università di Bari per capire come migliorare questa situazione: “Receptive music therapy to reduce stress and improve wellbeing” mostra come i livelli di stanchezza, tristezza, paura e ansia, tutti misurati tramite test MTC-Q1 su un insieme eterogeneo di volontari, si riducano notevolmente dopo una sola settimana di terapia musicale.

Ma gli intrepidi ricercatori non si sono limitati a questo, hanno infatti identificato quali sono gli elementi musicali che apportano i benefici maggiori. Pulsazione ritmica stabile, linee melodiche prevedibili, supporto del basso e pochi cambiamenti in volume, timbro e armonia contribuiscono alla riduzione di ansia e paura, mentre svolgimenti più vari e con linee melodiche imprevedibili aiutano a ridurre stanchezza e tristezza.

E tutto questo solo ascoltando musica: viene da chiedersi se i benefici non sarebbero ancora maggiori cantando e suonando, magari in compagnia, nel rispetto delle misure di sicurezza.

Pubblicato il 05/12/2020, 11:02